Beppe Grillo è servo degli USA. Ecco le prove!!11!1


image_pdfimage_print

Beppe Grillo servo degli USA - Te la do io l'America

In rete mi sento spesso ripetere che “Grillo è servo degli USA. Ci sono documenti inoppugnabili che lo provano”. Beh, vediamoli.

Ultimamente, infatti, una cortesissima signora con la quale spesso scambio vedute (e spesso le condivido, pure) mi ha fornito le “prove”: Grillo è servo degli USA. C’è un cablo wikileaks che lo prova, oltre al fatto che era – nel giugno del 1992 – a bordo del panfilo Britannia1.

Partiamo dal cablo. Attingo spesso a wikileaks per i miei post e non avevo trovato alcun cablo che “inchiodasse” Grillo. In effetti il cablo in wikileaks non c’è, ma avendone dato notizia “La Stampa” e, a ruota, altri giornali e blogger, lo diamo per attendibile2.

In effetti ciò che emerge è che il cablo è della categoria “Analisi diplomatica ai singoli leader stranieri”. Come dice lo stesso Spogli, il blog di Beppe Grillo era già fra i primi dieci più visitati al mondo. Aveva già organizzato il “V-Day” portando in piazza centinaia di migliaia di persone e, con lungimiranza, Spogli riteneva che ci fosse “il germe di un futuro partito politico”. È evidente che l’Ambasciata USA (che gli affari suoi in Italia non se li è fatti mai) attenzionasse il “caso Grillo”.

Leggendo il cablo2, la prima cosa che non si può non notare è la coerenza di un uomo che dice in privato ciò che ha sempre detto in pubblico. Pur sapendo che per l’interlocutore sono affermazioni scomode. Il cablo è dell’aprile 2008 e non si può non notare la differenza nell’approccio dell’Ambasciata USA con altri esponenti politici italiani. Con Prodi, Vecchi e la Mogherini nel 2006 (con una notazione sull’asservimento dell’ex Presidente della Repubblica Napolitano), oppure – proprio nel 2008 – l’ingerenza dell’Ambasciata USA nelle agende politiche di Berlusconi e Veltroni (i “contendenti” alle elezioni politiche), o la confidenza con il “campione dei rapporti inter-agenzia”, La Russa utile per il caso MUOS e per il caso Abu Omar-Col Romano, e tantissimi altri casi (ce ne sono anche alcuni davvero imbarazzanti per la Lega, ma meritano un post a parte).

Grillo esprime la sua contrarietà agli inceneritori (nonostante Spogli sostenga che la Campania ne ha “urgente bisogno”) e per questa posizione Spogli si chiede quanto Grillo sia progressista o, piuttosto, “luddista”3.

Grillo parla con Spogli di mafia, di corruzione (Spogli lo definisce “ossessionato dalla corruzione”). Beppe Grillo parla del fatto che i settori dell’energia, bancari e della sanità sono i più corrotti. Grillo sostiene che l’unica speranza per l’Italia è la rimozione integrale della classe politica per sostituirla con giovani che non abbiano legami con il sistema.

Nel riferire, Spogli – quasi a prenderne le distanze – ad ogni esternazione di Grillo precisa “lui sostiene”, “Grillo pensa”, “Grillo asserisce”…

Definisce le sue posizioni “in stridente contrasto con quelle degli interlocutori convenzionali”. Definisce Grillo “brusco, spigoloso, perfino volgare”. Dice che le sue idee sono utopiche e irrealizzabili, che la sua filosofia politica è incoerente.

Dagli articoli delle testate citate sopra, estrapolando e decontestualizzando, appare che Ronald Spogli sia rimasto “stregato” (La Stampa), “affascinato” (Il fatto Quotidiano). Insomma, per dirla alla Gianni Lannes, Beppe Grillo è un servo degli USA. Leggendo l’intero cablo2 ciò che emerge, invece, è un sostanziale disprezzo di Spogli – medaglia al merito per Beppe Grillo4 – che riferisce come le masse siano affascinate da questo strano individuo. Le masse che, vedendolo estraneo al sistema politico italiano, lo ritengono credibile.

Ovviamente, parlando di “Beppe Grillo è servo degli USA” non può mancare la “vicenda del Britannia”1:

Lo rivela Enrico Mentana, in quei giorni al porto di Civitavecchia con la troupe del TG5. Il giornalista intervistò Beppe Grillo sbarcato dal tender del panfilo. Alle domande di Mentana il futuro leader pentastellato  rispose che a bordo erano state discusse cose molto interessanti. Poi si dileguò, rapido come una stella cadente.

Ora, a parte che Mentana non solo ha smentito, ma pare essersi pure arrabbiato un filino:

Britannia: Enrico Mentana smentisce l'intervista

C’è poi il “grande accusatore”, certo Giovanni Sandi. Il quale, però, pare abbia il dono della bilocazione

ricci

L’opinione “mestatori imbecilli” la condivido in pieno. E ciò per una semplice domanda: perché mai, insieme alla Regina Elisabetta, a Draghi e al resto del gotha mondiale della finanza, Beppe Grillo avrebbe dovuto trovarsi sul Britannia? Con quale ruolo? Il mozzo?

Mi si risponde: “era stato assunto per fare lo spettacolo a bordo”. Bene, a parte che, in tal caso non vedo di cosa si sarebbe dovuto nascondere, ma … uno spettacolo sul Britannia? Beppe Grillo? Nel 1992?

Beppe Grillo, nel 1986 a “Fantastico” aveva già messo la sua carriera in gioco e venne cacciato dalla RAI:

Dopo un altro “smarronamento” del 1989 a Sanremo, tornerà in RAI nel 1993, per essere immediatamente escluso, subito dopo, da tutte le TV pubbliche e private

Qui uno spezzone:

Qui l’intero spettacolo:

Qualcuno mi spiega per quale motivo avrebbero dovuto invitare proprio Beppe Grillo per uno spettacolo sul Britannia mentre si svolgeva la compravendita dell’Italia? Proprio da masochisti.


1 Nel Giugno del 1992, sul panfilo della Corona Inglese “Britannia” ci fu un incontro fra finanzieri anglo-americani e banchieri pubblici e privati, manager dell’Iri e dell’Efim, rappresentanti di Confindustria e Mario Draghi, allora direttore generale del Tesoro nel governo di Giuliano Amato. In quell’occasione (e questa è storia, ormai) si concordò la “svendita” dell’Italia.
2 L’intero cablo originale dell’incontro fra Spogli e Grillo (da cui si evincerebbe che Beppe Grillo è servo degli USA) e relativa traduzione integrale.
3 Luddismo: Movimento operaio che in Inghilterra, all’inizio del sec. 19°, reagì violentemente contro l’introduzione delle macchine, ricorrendo, come metodo di lotta, alla distruzione delle macchine stesse, considerate la causa principale della crescente disoccupazione; il movimento luddista fu represso con numerose impiccagioni e deportazioni. (fonte: vocabolario Treccani)
4 Medaglia al merito per Beppe Grillo. Spogli era stato nominato Ambasciatore da George W. Bush, di cui era stato collega universitario. Il Segretario di Stato USA era Condoleezza Rice, anche lei nominata da George W. Bush del quale era stata anche principale consigliera del Presidente George H. W. Bush per gli affari sovietici nel 2000.  Fino al 2004, prima di essere nominata Segretario di Stato

Potrebbero interessare:



14 commenti su “Beppe Grillo è servo degli USA. Ecco le prove!!11!1

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Questo è ciò che ha risposto Beppe Grillo. Resta sempre da vedere se DAVVERO c’era un “Grillo”. Sinceramente ho tanti dubbi

  • lelamedispadaccinonero.blogspot.it

    ovviamente la sua vicinanza a s a s s o n è pura follia complottista, vero?

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Accidenti, come ho fatto a dimenticare Enrico Sassoon? Imparentato con la famosa dinastia Sassoon. Quelli dell’oppio in Cina nell’800, quelli che “David Sassoon & Co. Bank, la ED Sassoon Bank, l’Oriental Life Insurance e controllano The Observer e il Sunday Time. Uno degli ultimi discendenti di questa ricca famiglia di banchieri, commercianti di oppio e scatenatori di guerre, è proprio Enrico Sassoon.
      Ovviamente qualcuno avrà fatto l’albero genealogico dettagliato. Altrimenti, considerato che il mio cognome è Alì (evidente retaggio della dominazione araba in Sicilia di circa 1000 anni fa), io stesso corro il rischio di essere il cugino di Bin Laden.
      Sassoon (“il più importante socio della Casaleggio Associati”) aveva solo il 10% delle quote (fonte Camera di Commercio). Cedette questa quota nel settembre 2012. Gli articoli che sostengono che la “scheda socio” sparì dal sito della Casaleggio solo dopo la loro “inchiesta” (marzo 2013) dovrebbero fare attenzione alle date. Il tempo e le date non perdonano. Le date costituiscono il primo elemento per smascherare le bufale.

        • Marco Giannini

          Non so…forse perché Sassoon spala merda sul M5s?
          In ogni caso le forze politiche si vedono dal programma.
          Il complottismo anti M5s è seminato in primis dal partito Mediaset (FI+Lega*FdI) che mira col PD a mettere pulci nelle orecchie allo scopo di indebolire. Le accuse le puoi smontare le calunnie, i sospetti no! Sono viscidi, viscosi…sono merda ecco.
          Quello che dovrebbero capire i cazzari è che c’è un complotto in atto sì! Quello di Salvini:

          Salvini si finge diverso ma in realtà sta al servizio di Berlusconi, finsero dal 2011 di separarsi per provare a tenere i delusi per non farli finire nel vero cambiamento. Perché?
          Perché Berlusconi deve essere portato da Salvini al ballottaggio al posto del M5s….se non ci riesce Merdaset verrà sbranata da Murdoch, da Goldman, da JP ecc e i pargoli Piersilvio, Marina, Barbarella ecc si ritroveranno con 1/10 dei soldi (crollo azioni).
          Salvini è la bambinaia dei pargoli di Silvio e lo scambio sarà:
          RIFORME FINALI TROIKA(PD) AMMAZZA ITALIANI IN CAMBIO DELLA TUTELA DELLE AZIONI MERDASET.
          Per quello che ora Silvio le attacca le riforme! Perché sono la prima parte e lui non è decisivo. Se non lo sarà nemmeno in quelle finali (la prossima sfornata di riforme troika) a causa del M5s (se governa il M5s salta lo scambio Mediaset-Troika) le multinazionali stritoleranno Mediaset.
          Nel 2011 le azioni in pochi giorni si dimezzarono (e con esse la ricchezza del sangue del sangue di Scilvio) e lui si dimise.
          SVEGLIA COGLIONI!
          C’E’ SCRITTO TUTTO QUA: http://spread-politica-economia-massoneria.blogspot.it/2015/12/Salvinitradiraitaliani.html

        • Marco Giannini

          Io il 4 febbraio presento il mio libro alla Camera.
          Il neoliberismo che sterminò la mia generazione.
          Ci sono 3 commenti introduttivi di nostri deputati.
          Ebbene 5 anni fa quando iniziavo a studiare l’economia mi contattò un certo signore che mi voleva vendere il suo libro. Mi parlava di economia in termini che poi confrontati si sono rivelati totali stronzate. Mi disse anche che vendeva diversi prodotti e che se volevo un impermeabile lui aveva ottimi prodotti cinesi che “solo lui possedeva”.
          Capii che approcciava tipo Wanna Marchi ed avevo il vago sospetto che fosse uno in cerca di carriera politica (non so voi ma io mi rendo sempre conto da alcuni comportamenti stereotipati quando ho a che fare con uno di questi arrivisti: si atteggiano a santoni rigorosamente con toni un po’ pacchiani tipo “pasta e fagioli”).
          Molto tempo dopo vedo sui media che Grillo, il Britannia ecc ecc e leggo “Giovanni Sandi”!
          A quel punto mi dico ” ma non era il nome di quella capra che” ecc ecc ecc.
          Entro nel suo profilo fb constato che fosse lui e leggo che si stava proponendo come candidato per liste complottare/fascistoidi.
          (Conosco tanti fascisti che non sono fascistoidi e pur avendo io tradizioni diametralmente opposte non discrimino nessuno).
          Cordialità

          • Stefano Alì L'autore dell'articolo

            Grazie per le informazioni inedite. Che fosse una bufala stratosferica era già evidente, ma adesso, con queste notizie sul “soggetto” …

  • Enzo Altieri

    Ci sono delle cose che mancano in molti esseri umani: la prima è l’analisi logica, poi c’è l’ignoranza e quindi il discernimento.
    La situazione generale dell’Italia mostra con innumerevoli prove queste mancanze.
    Solo un disonesto, un ignorante o un imbecille può parlare di Beppe Grillo o del M5S.

  • zio

    bell’articolo,complimenti,trovo azzeccato soprattutto il titolo che richiamerà sicuramente torme di lascivi

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Spero ti riferisca a coloro cui il post è riferito 😀

  • gaetano roberto Iacona

    Stefano Ali’ …. ma datti all’ippica!! Ma come si puo argomentare e trarre conclusioni citando presunti documenti che non esistono o circostanze lontane nel tempo di…. cui si dice… non si dice. La saI L’ULTIMA ? Un tale che non possiamo nominare dice che tu ti scopi tua sorella. Ci sono delle foto che lo provano ma, al momento, non si trovano!!!!!!!!!!!!!

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Scusa ma hai letto sto post o hai commentato sul titolo? Credo la seconda!

I commenti sono chiusi.