Materiale altamente infettivo smaltito illegalmente. ONG brava gente


image_pdfimage_print

Scabbia, AIDS, meningite, sifilide e tubercolosi fra le malattie che viaggiano con i migranti. Uno su quattro è infetto. E le ONG smaltiscono il materiale altamente infettivo fra i normali rifiuti solidi urbani.

materiale altamente infettivo smaltito illegalmente da Medici senza frontiere.

Un comunicato della Guardia di Finanza mette in luce l’emergenza sanitaria che accompagna i migranti e il disinvolto comportamento delle ONG. Mettendo a rischio la salute pubblica, smaltivano il materiale altamente infettivo (sanitario e non) come fosse normale “rifiuto solido urbano indifferenziato”

Il comunicato della Guardia di Finanza parla chiaro. Insieme ai migranti sbarcano scabbia, meningite, tubercolosi, AIDS e sifilide.

Nel periodo gennaio 2017 – maggio 2018, su 21.326 migranti sbarcati dalle ONG, 5.088 casi sanitari a rischio infettivo. Quasi il 25% dei migranti che sbarcano costituiscono pericolo di emergenza sanitaria..

Infatti, nel periodo gennaio 2017 – maggio 2018 venivano rilevati n. 5.088 casi sanitari a rischio infettivo (scabbia, meningite, tubercolosi, AIDS e sifilide) su 21.326 migranti sbarcati.

Proprio di questa emergenza avevo già scritto in “Malaria a Trento: Negare l’evidenza aggiunge rabbia al panico

Materiale altamente infettivo smaltito come rifiuto urbano indifferenziato

Al fine di riscontrare il già grave quadro indiziario, le Fiamme Gialle etnee, in data 10 maggio 2018, al termine dello sbarco di 105 migranti dall’AQUARIUS, verificavano e sottoponevano a sequestro il carico di rifiuti appena trasbordato dalla nave e trasportato da un autocarro compattatore diretto presso il deposito della società cooperativa “La Portuale II”.

In tale circostanza si accertava che tra i 15 metri cubi di rifiuti dichiarati dal Comandante dell’AQUARIUS quali rifiuti alimentari e speciali indifferenziati (carta e plastica), erano presenti 2 metri cubi (80 kg) di rifiuti pericolosi a rischio infettivo consistenti in indumenti dismessi dai migranti potenzialmente contaminati da virus ed altri agenti patogeni, nonché rifiuti sanitari a rischio infettivo derivanti dall’attività di assistenza medico-sanitaria prestata a bordo ai migranti.

Infatti, si legge nel comunicato,

gli indagati qualificavano, conferivano e smaltivano fraudolentemente, in modo indifferenziato, i rifiuti derivati dall’attività di salvataggio in mare (gli indumenti contaminati indossati dagli extracomunitari, gli scarti degli alimenti somministrati agli stessi, nonché, i rifiuti sanitari infettivi utilizzati a bordo per l’assistenza medica) eludendo i rigidi trattamenti imposti dalla loro natura infettiva (in ragione della quale gli stessi andavano classificati come pericolosi, sanitari e non, ad alto rischio infettivo)..

Coinvolta l’ONG Medici Senza Frontiere

Attualmente, la contestazione del reato è limitata a MSF (“Medici senza frontiere – Operational Centre Belgium – Missione Italia”, “Medici senza frontiere – Operational Centre Amsterdam”).

Gli inquirenti hanno posto sotto sequestro anche la nave “Aquarius”.

Medici Senza Frontiere “condanna” il sequestro e lo definisce “strumentale attacco per bloccare l’azione salvavita in mare”

Quindi implicitamente sostiene che la Guardia di Finanza stia mentndo quando scrive

in data 10 maggio 2018, al termine dello sbarco di 105 migranti dall’AQUARIUS, verificavano e sottoponevano a sequestro il carico di rifiuti appena trasbordato dalla nave e trasportato da un autocarro compattatore diretto presso il deposito della società cooperativa “La Portuale II”

[…]

tra i 15 metri cubi di rifiuti dichiarati dal Comandante dell’AQUARIUS quali rifiuti alimentari e speciali indifferenziati (carta e plastica), erano presenti 2 metri cubi (80 kg) di rifiuti pericolosi a rischio infettivo consistenti in indumenti dismessi dai migranti potenzialmente contaminati da virus ed altri agenti patogeni, nonché rifiuti sanitari a rischio infettivo derivanti dall’attività di assistenza medico-sanitaria prestata a bordo ai migranti

In cosa mentirebbe? Il 10 maggio non era la Aquarius a sbarcare 105 migranti?

Oppure non è vero che ha sequestrato il carico di rifiuti e/o non c’erano 2 metri cubi di rifiuti a rischio sanitario su 15 complessivi?

Potrebbero interessare:


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.