Spygate nei media italiani: Crolla la congiura del silenzio?


Pin It
image_pdfimage_print

Primi accenni allo “spygate” nei media italiani. La «congiura del silenzio» comincia a crollare. Barr e Pompeo in Italia.

spygate e media italiani-Roma al centro della tempesta

Trova finalmente spazio lo “spygate” nei media italiani. La situazione viene ancora presentata in modo distorto, ma c’è da apprezzare “lo sforzo”.

Lo “Spygate”

Molti ricorderanno che nella campagna elettorale di Trump ci sarebbero state ingerenze russe che lo avrebbero favorito.

I russi sarebbero arrivati addirittura a trafugare del “materiale sporco” di Hillary Clinton. Si tratta di alcune migliaia di mail, alcune pure dal contenuto “classificato” che la Clinton deteneva illegalmente in un server privato.

Lo scandalo venne denominato “Russiagate” e si è protratto fin dopo l’elezione e l’insediamento di Trump alla Casa Bianca. Dopo, infatti, si chiese l’impeachment.

Pian piano, però, emersero particolari che fecero vacillare la teoria dell’ingerenza russa.

Cominciò a farsi spazio l’ipotesi di una trappola ordita con la complicità di servizi segreti stranieri: Italia, prima fra tutti, e poi Ucraina, Regno Unito e Australia.

Così il “Russiagate” si è evoluto in “Spygate”.

Teniamo presente che pare ormai accertato che tutto sia partito dall’Italia. I Governi Renzi e Gentiloni avrebbero messo i Servizi Segreti italiani al servizio della campagna elettorale della Clinton contro Trump.

Nell’assoluto silenzio dei media, su tutta questa storia ho scritto diversi articoli cui rinvio per approfondimenti:

L’Ucraina

Prima di parlare delle visite di Barr e Pompeo in Italia vorrei puntualizzare ancora un aspetto della telefonata di Trump a Zelenskyj, il Presidente ucraino.

Abbiamo già visto che la narrativa è fuorviante.

Come ho scritto in «Ucrainagate? Nella telefonata Trump e Zelensky parlano di Spygate!», l’argomento della telefonata era proprio lo spygate, non certo Joe Biden che nella trascrizione è quasi incidentale.

Tuttavia, come per lo spygate nei media italiani c’è qualche “disattenzione” anche su questo argomento.

Infatti è assolutamente vero che Biden si è vantato di aver ricattato l’ex Presidente ucraino Porošenko.

Qui il video e qui anche la trascrizione.

A questo deve aggiungersi una dichiarazione giurata resa da Viktor Shokin, ex Procuratore Generale di Stato ucraino.

È stata divulgata da John Solomon, pluripremiato giornalista investigativo che scrive per “The Hill“.

In questa dichiarazione giurata, Shokin testimonia che l’incarico di Procuratore Generale gli è stato revocato proprio per le sue indagini sulla società di cui Hunter Biden, il figlio dell’ex vice presidente di Obama, era componente del Consiglio di Amministrazione.

Ecco il documento

.

Will Barr e Mike Pompeo in Italia: compare lo Spygate nei media italiani.

Qualche giorno fa si era saputo della visita del Segretario di Stato USA, Pompeo, in Italia.

E quasi contemporaneamente un tweet di George Papadopoulos svelava che nei giorni precedenti anche il Procuratore Generale di Stato Will Barr (omologo del nostro Ministro della Giustizia) era stato a Roma

Barr era stato in Italia per due giorni, perché l’«Italia ha le chiavi del regno. Governo giusto al momento giusto».

Barr in Italia

Finalmente con un lancio ANSA il 30 settembre arriva l’argomento “Spygate” nei media italiani. Ansa rende noto che nei giorni scorsi effettivamente il Procuratore Generale di Stato USA, Will Barr è stato in Italia.

E così anche il “Corriere” e il “Sole24Ore“.

Ovviamente la narrazione resta fuorviante. Questo il sommario del “Sole24Ore”, ad esempio

Il ministro della Giustizia sarebbe volato a Roma la scorsa settimana, scrivono i giornali americani, per ottenere informazioni al fine di screditare le indagini di Mueller sul Russiagate.

Screditare le indagini di Mueller?

Ma Mueller ha provveduto da solo a screditare se stesso e le sue indagini

Barr avrebbe incontrato “alti funzionari dello Stato italiano” a capo dei servizi segreti, rivelano testate USA e così lascia anche intendere George Papadopoulos nel suo tweet.

Certo, il Wall Street Journal è noto per essere il “megafono” delle notizie che certa parte di CIA e FBI vogliono far trapelare, ma anche in questo caso deve attribuirsi un significato certo alle loro notizie.

Il “Corriere” del 2 ottobre dedica metà della 4^ pagina. Anche Durham era in Italia. Che l’argomento sia stato Russiagate/Spygate quindi è certo. Gli incontri con i vertici dei servizi segreti italiani sono stati autorizzati dal Presidente del Consiglio Conte

Pompeo in Italia

Anche l’agenda di Pompeo è un po’ strana.

Rimane in Europa dall’1 al 6 ottobre. È arrivato in Italia alle 11.20 di giorno 1 ottobre e volerà via giorno 4.

Quindi si ferma per quattro giorni in Italia, poi, in due giorni, toccherà Montenegro, Macedonia e Grecia.

Nessuna visita prevista in Francia e Germania.

E l’agenda italiana pubblicata dall’AGI presenta tanti buchi.

Certo, giovedì 3 ottobre andrà a Pacentro, in Abruzzo:

Giovedì 3 ottobre, infine, il capo della diplomazia Usa si sposterà in Abruzzo per visitare Pacentro, il paese dove nacquero i suoi bisnonni paterni. Lì, hanno fatto sapere da Washington, “incontrerà alcuni leader locali”.

Ma Pacentro è un Comune di soli 1.140 distribuiti su 72,59 Km2.

Il programma dei 4 giorni, oltre alla “visita guidata” di Pacentro prevede un incontro col Presidente Mattarella, uno col Presidente del Consiglio Conte e uno col Ministro degli Esteri Di Maio.

Poi la partecipazione al Palazzo Apostolico per aprire il simposio congiunto, organizzato da Usa e Santa Sede, dal titolo “Sentieri verso il raggiungimento della dignità umana”.

Infine una udienza privata da Papa Francesco.

Roba che in due giorni ha tutto il tempo di fare.

Come impiegherà gli altri due giorni in Italia? Farà il turista come fece Salvini in USA o ha altri incontri e altri appuntamenti?

Boh! Certo è che Mike Pompeo non è che abbia poi tanto tempo da perdere, quindi questa agenda “a groviera” è strana.

Ricapitolando

Secondo la narrazione dei media, Trump sarebbe quasi terrorizzato dalla tempesta scatenata dalla richiesta di impeachment.

E nel pieno di questa “tempesta”, manderebbe in giro per il mondo Barr e Pompeo per fare chiarezza sullo spygate.

Spygate che è proprio l’argomento di quella telefonata di cui viene travisato il contenuto spostandolo sul marginale Joe Biden.

Solo i media possono riuscire ad avvitarsi in narrazioni che non stanno in piedi neppure con i puntelli.

E per Barr non è il primo viaggio in Italia.

Secondo Solomon avrebbe già anche raccolto una dichiarazione registrata dell’ineffabile prof. Mifsud (di cui ho parlato abbondantemente, vedi precedenti articoli).

E poi, di nuovo, a ferragosto, stando a quanto scrive il “Corriere”.

Insomma, sono tempi grami per i Democratici USA, ma pure per i nostri renziani.

I media complici stanno ribaltando la realtà.

Sono i DEM ad aver scatenato questa tempesta nel bicchiere d’acqua come estremo tentativo di screditare ciò che sta per uscire fuori, non il contrario.

Salvini si ingrugna e scoppia lo spygate nei media italiani

Stranamente (ma neanche tanto) anche Salvini ha una reazione isterica

Ma non era amico di Trump? E anziché plaudire a Conte lo critica?

Barr è venuto in Italia a ferragosto. Salvini aveva già aperto la crisi e depositato la mozione di sfiducia l’8 agosto.

Si è tenuto imbullonato alla poltrona di Ministro dell’Interno per poter sapere e avvisare Bannon?

Quello stesso Bannon che l’ultimo fine settimana di Luglio, forse proprio per questo, gli aveva ordinato di affossare il Governo?

Pagina 34 di “7” del Corriere della Sera pubblicato il 9 Agosto. L’intervista è stata rilasciata nell’ultimo fine settimana di luglio

E, di grazia, perché mai il Presidente Conte che ha tenuto le deleghe ai Servizi (come non le aveva mai cedute al “bannoniano” Giorgetti) avrebbe dovuto chiedere il permesso a lui?

Ma almeno comincia ad esserci lo Spygate nei media italiani, che così sono costretti a parlarne. Sia pur travisando la realtà.

Pin It

Potrebbe interessare anche



5 commenti su “Spygate nei media italiani: Crolla la congiura del silenzio?

  • Andrea Catalano

    Lo Spygate non sembra essere un semplice “intrigo internazionale” tra Italia e USA. Dietro ad alcuni apparati deviati italiani, americani e inglesi ci sarebbe una struttura profonda e clandestina, poco conosciuta, che alcuni esperti del settore (in particolare Christopher Story e Michael Shrimpton) definiscono “Deutscher Verteidigungs Dienst” (DVD) la quale avrebbe appunto come prassi consolidata quella di usare altre agenzie di intelligence come copertura (e falsa bandiera) per eseguire le proprie operazioni in nero. Quindi la caduta del muro del silenzio e il completo accertamento della veritá nell’ambito dello Spygate e nell’ambito della rete di vicende ad esso correlate, potrebbe essere un evento con una portata perfino superiore alla caduta del muro di Berlino e alla dissoluzione dell’URSS.

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Potrebbe fornirmi documenti e/o link sulla questione? È un aspetto che vorrei approfondire
      I documenti anche via mail
      Grazie

    • Stefano Alì L'autore dell'articolo

      Anche link a libri da acquistare, ovviamente
      Grazie

      • Andrea Catalano

        La migliore disamina sia in prospettiva storica che negli avvenimenti attuali sul “Deutscher Verteidigungs Dienst” (da non confondere con i servizi ufficiali della Germania) si trova nel voluminoso libro di Michael Shrimpton dal titolo “Spyhunter – the secret history of german intelligence” (June Press – 2014) acquistabile sul sito dell’editore:
        http://www.junepress.com/book.asp?BID=901
        Inoltre ci sono gli articoli (molto numerosi) di Shrimpton su Veterans Today, dove vengono affrontate specialmente questioni riguardanti il Regno Unito e gli USA:
        https://www.veteranstoday.com/author/shrimpton/

  • Marian39

    Nel 2002, Nikolai Zlochevsky, legato all’ex PresidenteYanukovich e quindi filorusso, fondò Burisma, una compagnia privata per la produzione di petrolio e gas che, in seguito, divenne la seconda più grande compagnia in Ucraina ( la prima era Neftegazdobychastata, fondata da Poroshenko)… Nel 2014 avviene il cambio di regime e la Burisma che fine fa? Dopo la rivolta del maidan, Zlochevsky va a finire sulla lista dei ricercati internazionali e i suoi conti correnti in Gran Bretagna vengono bloccati. Ma, invece di fuggire a Mosca come altri filorussi, si comporta in modo più astuto per salvare la Compagnia: invita alcuni personaggi internazionali nel Consiglio di Amministrazione della Burisma Holdings. Fra questi figuravano l’ex presidente della Polonia, Alexander Kwasniewski e Hunter Biden, figlio del vicepresidente americano Joe Biden da poco nominato responsabile Usa delle relazioni con l’Ucraina. In effetti, Nikolai Zlochevsky (invece di pagare l’FSB russo o il servizio di sicurezza ucraino per la copertura) ha trovato altri protettori a cui doveva riconoscenza e remunerazione per cui è stato autorizzato a versare, non in unica soluzione, “1 milione di euro sul conto dell’ex presidente della Polonia Alexander Kwasniewski e 3.404.712,82 dollari – sul conto di Rosemont Seneca in rappresentanza di Hunter Biden”. La causale apposta in calce a tutti i versamenti risulta sempre la stessa : «за консультативнi послуги» –> “per servizi di consulenza”. La pagina in russo, riassuntiva di questi versamenti è la n. 1282 del fascicolo prodotto dalla Procura Generale dell’Ukraina:
    https://www.novayagazeta.ru/articles/2019/10/01/82184-poshli-zlochinnim-shlyahom
    .
    Un fatto interessante è che l’ex presidente della Polonia e Hunter Biden sono stati pagati, entrambi, con denaro proveniente da attività illegali, diventando così lo step finale di un’imponente azione di riciclaggio: ne erano a conoscenza ? Il comportamento ‘disinvolto’ dei due Biden è già stato documentato molto tempo prima della telefonata di Trump a Zelenskj: che bisogno aveva il Presidente Usa di infangare due soggetti già compromessi ? Questa corsa penosa all’impeachment lanciata dalla Pelosi significa soltanto una cosa: impedire la rielezione di Trump che i sondaggi danno per vincente.

I commenti sono chiusi.